Burroughs-Snack-Guglielmo Tell

Tutti gli scrittori hanno dei lati oscuri, che magari accrescono il loro fascino. A volte però il male prende possesso di loro in maniera veramente infausta, con conseguenze penali e luttuose. Ecco per esempio che cos’è accaduto a Burroughs.

William Burroughs era un personaggio molto particolare. Da sempre appassionato di armi e di droghe,  si è sposato due volte nonostante fosse omosessuale. Ha attraversato la beat generation diventandone uno dei guru letterari, ha influenzato il cinema (Cronenberg ha portato sullo schermo Naked Lunch e lo stesso Borroughs ha recitato in diversi film) e la musica (Kurt Cobain collaborò con lui in un disco, gli U2 lo vollero in un loro video e i Thin White Rope devono il loro nome al modo inventato dallo scrittore di definire lo sperma).

Nel 1951, quando non era ancora uno scrittore con la esse maiuscola, ha ucciso sua moglie. È stato in carcere solo tredici giorni, e in seguito è diventato uno degli scrittori più noti d’America.

I fatti si svolsero più o meno così: Burroughs aveva bisogno di soldi e perciò aveva deciso di vendere la sua pistola (era un tiratore scelto). Si portò dietro sua moglie Jean e mentre aspettavano il compratore nel suo appartamento, davanti a una serie di altre persone, tutte sbronze, Burroughs, forse per ammazzare il tempo o per mettersi in mostra, decise di fare un gioco. Il nome del gioco era Guglielmo Tell e a quanto pare lui e la moglie ci avevano giocato ancora.

Prese un bicchiere e lo mise sulla testa di Jean (lei evidentemente si fidava ciecamente delle sue capacità), poi prese la pistola che doveva vendere (che aveva il difetto di tirare basso) e mirò. L’obiettivo era ovviamente quello di centrare in pieno il bicchiere lasciando illesa la moglie e mostrando a tutti la sua bravura. Accadde però che il bicchiere scivolò a terra, intatto, mentre la testa di Jean si piegò da un lato, con un buco nella tempia.

I soccorsi furono inutili e all’ospedale poterono solo constatare la morte di Jean. Burroughs riuscì a dimostrare che si trattò di un tragico incidente e se la cavò con pochi giorni di galera. Per anni non parlò più dell’accaduto, rimuovendo la tragedia. In uno dei testi smontati e rimontati, tipici della letteratura beat, parlerà poi di una forza misteriosa che gli avrebbe deviato la mano. E successivamente, in un’intervista, un bel po’ di anni dopo, dichiarò che la morte della moglie incise molto sulla sua carriera letteraria, in quanto gli insegnò a resistere al Male.

[Burroughs non perse il vizietto di sparare, ma con gli anni decise di cambiare bersaglio ndR]

 

Burroughs mentre prende la mira.

Burroughs era un abile tiratore:

Commenta l'articolo
La tua e-mail non sarà pubblicata
  • ( non sarà pubblicata )