Masterpiece Copertine Cover 5 puntata 2

Le festività hanno quasi compromesso la rubrica dedicata ai manoscritti scartati di Masterpiece, talent che mangia il panettone, che non va in ferie e che non ha rispetto per noi uomini di mondo. Ci scusiamo per il ritardo, ecco i capolavori senza l’X Factor scartati nella Quinta Puntata.

La rubrica di fantaeditoria più letta in Italia dai concorrenti scartati di Masterpiece ritorna in colpevole ritardo. Naturalmente a causa delle festività e me ne scuso. C’è mancato poco che tutto finisse in un fail clamoroso, più che altro per sfinimento/burnout, ma soprattutto per hangover.

Poiché, come mi ha scritto Giulia di CAM – “il secondo secondo alle 17.00 al pranzo di Natale va contro alla convenzione di Ginevra” – anche condannare il sottoscritto a seguire l’ultima puntata delle eliminatorie di Masterpiece domenica 29 dicembre, in piena paranoia “cosa facciamo a Capodanno?” e smaltimenti vari, è come minimo una violazione della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, quella del ’48.

E infatti sono uscito.

Ad ogni modo ora mi sto rimettendo in pari. E farò di tutto per uscire da questo tunnel con il post della sesta puntata.

MASTERPIECE Rendering Banner 5 puntata 2

Nota di merito della quinta puntata: avermi dato la chance di creare, finalmente, una copertina esoterico-tamarra alla Newton & Compton per un romanzo su pergamene-intrighi-delitti segreti e misteriosi. Sono grato a Masterpiece e al suo autore che spero abbia messo dentro al suo manoscritto un po’ di Templari.

Ah, come l’altra volta voglio ricordare la rubrica di commento su ciascuna puntata di Masterpiece di Circolo DisagioDude Magazine – più bravi, simpatici e puntuali di noi (hashtag #circolodisagio per il live tweet). Volendo anche su Book Skywalker trovate sempre degli articoli aggiornati sull’argomento, mentre sta calando un cupo e fisiologico “sticazzi” attorno al programma.

Ma noi non demordiamo perché a fine febbraio tornano le finali in prima serata. E poi c’è il RIPESCAGGIO WEB. Non stiamo nella pelle.

Qui la gallery dove potete ingrandire le immagini

Alessandro Toso: A galla

MASTERPIECE Rendering Alessandro Toso
Export manager da sempre, il lavoro gli ha permesso di uscire dalla provincia medio borghese, vedere e vivere tante cose diverse. Bravo ragazzo, allergico ai colpi di testa, adora la moglie e le tre figlie. Dagli zero ai trentotto anni ha immagazzinato storie, adesso comincia a raccontarle. Tra i suoi autori preferiti Niccolò Ammaniti e John Irving. Un hobby? La chitarra, perché la scrittura per lui è una cosa seria: uno scrittore dovrebbe rielaborare la realtà e aiutare gli altri a orientarsi nella vita.

IL ROMANZO

Si racconta la storia di Renato Pappalardi, rampante manager, che grazie all’investimento occulto di una società tedesca decide di acquistare un’azienda in difficoltà finanziaria. L’accordo prevede che dopo un certo periodo l’azienda venga ceduta ai reali compratori… tutto sembra andare per il verso giusto finché la moglie e la figlia di Renato non decidono di metterci lo zampino e la situazione si complica.

«A galla è il miglior romanzo italiano della spending review wave» Edoardo Nesi

 

 

Margerita Fiaccavento: Amazon on me

MASTERPIECE Rendering Margherita Fiaccavento
Nella vita ha fatto tante cose, docente, insegnante di nuoto, responsabile della comunicazione, cuoca e web content: “Sono una donna curiosa, una brava persona, una grande lavoratrice, ma non proprio una santa donna”. Ama il buon cibo e i viaggi: ha viaggiato così tanto che quando si è messa a scrivere su una parete di casa il luogo e la data, l’ha riempita tutta. Nei due anni di disoccupazione ha trovato amici veri e ha capito che lavoro e vita sono due cose diverse. Attualmente vive e lavora a Piacenza. Tra i suoi autori preferiti Ernest Hemingway e Lev Tolstoj.

IL ROMANZO

D’ispirazione autobiografica, il romanzo racconta la storia di Matilde Bianco, l’alter ego dell’autrice. Trovatasi improvvisamente disoccupata, Matilde finisce per lavorare come magazziniera per Amazon Italia. Da Roma si trasferisce a Piacenza, da manager finisce magazziniera, dal lavoro intellettuale passa a quello manuale: una parabola che racconta le vicende di una generazione che oltre al lavoro sembra aver perso qualcosa di più prezioso, la fiducia in se stessi.

 

«Amazon on me è il miglior romanzo italiano della spending review wave dopo A galla, il mio e Stil Novo di Matteo Renzi» Edoardo Nesi

 

Luca Maletta: Dichiarazione di

MASTERPIECE Rendering Luca Maletta
Si definisce capriccioso, complesso e persino bipolare: socievole ma solitario, umile ma superbo. Vive con i genitori, il fratello, i nonni – ai quali è molto legato – e due cani alla periferia di Guidonia. Frequenta la Facoltà di Lettere Moderne presso La Sapienza e tra le sue letture preferite: l’Apologia di Socrate, le Satire di Orazio e l’Ulisse di James Joyce. Dopo sette anni di pallone, adesso pratica il Taekwondo (gli manca un anno per diventare cintura nera). Il suo più grande rimorso è quello di non essere riuscito a conquistare la musa ispiratrice del suo poema.

IL POEMA

Unico aspirante scrittore a concorrere con un poema, Dichiarazione di è un componimento ambizioso: rappresenta un viaggio letterario e poetico attraverso nove elementi, dalla Grecia antica alla città moderna.

«Ma chi gliel’ha fatto fare?» Francesco Targhetta

 

 

Emanuele Lantieri de Paratico: La pergamena

MASTERPIECE Rendering Emanuele Lantieri de Paratico
Operaio in una ditta cartotecnica. Quarantenne che non si sente quarant’anni. Vive in provincia di Brescia con la moglie e le tre figlie. Curioso, alla ricerca di risposte a un numero infinito di domande. Tra i suoi autori preferiti Italo Calvino e Giuseppe Tomasi di Lampedusa.

IL ROMANZO

In una Brescia di fine ‘700 due fratelli, Giacomo e Cassandra, si trovano coinvolti in un’avventura che metterà a rischio le loro vite e rivelerà un’antica leggenda legata alla loro famiglia.

«Meglio Il Pendolo di Foucault o una maratona di Assassin’s Creed? Perché rinunciare a uno dei due?» Dan Brown

 

 

Elena Cerutti: Se questo è amore

MASTERPIECE Rendering Elena Cerutti
Medico chirurgo, lavora da anni in un grande ospedale torinese. Passionale, solare, onesta. Un matrimonio alle spalle e due meravigliosi figli adolescenti. Isabelle Allende, Ernest Hemingway e Victor Hugo tra i suoi scrittori preferiti.

IL ROMANZO

Stella è una brillante studentessa di medicina quando conosce Giovanni, fascinoso giornalista. Nonostante la famiglia di lei si opponga, i due si sposano ma l’amore si rivela ben presto ingannevole. Una storia di dipendenza affettiva e d’ispirazione autobiografica.

«Il romanzo della nuova Lipperini che tutti quanti stavamo aspettando» Lara Manni

 

 

NOTA BENE

  • Gli abstract dei romanzi e le note biografiche sono state copia-incollate dal sito ufficiale di Masterpiece.
  • I virgolettati illustri sono ovviamente di fantasia.
  • Gli abbinamenti editoriali – romanzi e casa editrice – sono quasi del tutto casuali.
  • Il progetto grafico delle copertine è stato ideato dal sottoscritto. Invece gli autori delle illustrazioni li trovate qui sotto.

CREDITS IMMAGINI

Commenta l'articolo
La tua e-mail non sarà pubblicata
  • ( non sarà pubblicata )