apparato-umano-blog

Dopo il successo de La grande bellezza di Paolo Sorrentino, chi (ri)pubblicherà il romanzo d’esordio, nonché l’unico capolavoro, di Jep Gambardella, L’apparato umano?…

Noi ci siamo divertiti ad ipotizzare qualche copertina.

Ora siamo anche su Repubblica di Napoli!

 

 

Credits immagini:

Tutte le copertine sono state create da Alberto Bullado, tranne quella di Einaudi (via Scribedit)

Immagine copertina Adelphi via Melissa Panarello

Immagine copertina Sellerio via Miniatura Italiana

Immagine copertina Oscar Mondadori dipito di Otto Dix (ritratto di Alfred Flechtheim)

Immagine copertina Minimum Fax di Emiliano Ponzi

Immagine copertina Hacca Edizioni di Wataru Yoshida

Immagine copertina Guanda di Guido Scarabottolo

Immagine copertina Feltrinelli di Guido Scarabottolo

 

apparato-umano-adelphi apparato-umano-einaudi apparato-umano-sellerio apparato-umano-oscar-mondadori apparato-umano-minimum-fax apparato-umano-hacca apparato-umano-guanda apparato-umano-feltrinelli

 

13 commenti a “ Jep Gambardella: “L’apparato umano” finalmente in libreria?… ”

    • ConAltriMezzi

      ConAltriMezzi

      eh magari! no, come ho specificato nell’articolo sono miei i progetti grafici, le singole illustrazioni sono di illustratori/artisti molto bravi.

      Mi sono divertito ad immaginarmi delle possibili copertine adottando lo stile grafico di ciascuna casa editrice.

      Rispondi
    • ConAltriMezzi

      ConAltriMezzi

      grazie mille! :) intuito, tentativi, confronti, oppure what the font, alcuni non sono identici al 100%…

      Rispondi
  1. Io ho trovato solo l’edizione Einaudi, ben curata devo dire, con una prefazione molto interessante di Agamben che parla dell’apparato umano come nuovo modello di “Homo Sacer” postmoderno; in poche parole protagonista del libro verrebbe usato per descrivere, secondo il filosofo romano, l’espressione formale della nuda vita, traendo dal suo vissuto delle risposte ontologiche basandosi sulla propria corporeità. E’ una ristampa del 1998, credo l’ultima prima che il testo tornasse in auge grazie alla pellicola di Sorrentino.

    Rispondi
Commenta l'articolo
La tua e-mail non sarà pubblicata
  • ( non sarà pubblicata )