CAM poesie

 

 

O dal tuo vergine afflato assurgere

ombre di sogni e memorie

di vertigini, o Morte, o Inganno!

E dietro ogni passo un senso,

dietro ogni cosa una voce,

se la Vita in croce,

se forse chissà magari non so,

tu, odi quest’ode all’amica dimagrita

e smagata, l’odi tu? No, tu lodi.

E vagava per le campagne una creatura,

è un mantello quello?

Poi si udì (si udì soltanto) un cavallo

nitrire, nessuna risposta. Risentimento?

Offese? Maledizioni? Senso di colpa?

Perché mai? Tanto il domani porterà luce

e svanirà anche quest’illusione.

Se la tua poesia fosse una sola,

invece di essere tante poesie in una,

se la tua vita fosse una,

invece, di tante vite, nessuna.

1 commento a “ [O dal tuo vergine afflato assurgere] ”

Commenta l'articolo
La tua e-mail non sarà pubblicata
  • ( non sarà pubblicata )