CAM poesie

 

Cosa sapevi dell’oltre nuvola?
Piangevi i crismi
oltremondani di un’insana
euforia, l’allegoria
del bene e del male,
eri solita ammalarti
di amore per una verità
da determinare, che nessuno
vide mai;
e arrabbiata con l’inutile
stupidità ignoravi
l’umile e la gaiezza,
in cielo nessuno ci credeva
e la morte nel volo
di libellula, un tuo bacio
di seta, tesoro nella sera,
nella consapevole lentezza
delle immagini;
ora tu taci e quindi il mondo
non c’è più,
ogni nome ha la sua cosa,
ogni idea ha la sua casa,
ogni complimento off ende,
solo tu ora,
consequentia nominum.

Commenta l'articolo
La tua e-mail non sarà pubblicata
  • ( non sarà pubblicata )