Passione Vintage

PASSIONE VINTAGE – ISABEL WOLFF
Stile, passato e memoria in uno dei romanzi di successo più venduti dell’anno
ANTEPRIMA PADOVA VINTAGE FESTIVAL
di Emanuele Caon

Passione Vintage di Isabel Wolff, un vero e proprio caso letterario dell’anno, è un romanzo che racchiude molto di più di quello che si potrebbe pensare. Ambientato a Londra, il libro ha per protagonista Phoebe, una giovane donna che dopo avere lasciato il proprio lavoro in un’importante casa d’aste è alle prese con l’apertura di un negozio di abiti vintage. Il tema centrale, nonché fattore comune di tutte le vicende del romanzo, è il tempo, o per meglio dire un passato che è da conoscere ed accettare per poter vivere nel presente.

Phoebe ha appena concluso  la propria storia d’amore con l’uomo che stava per sposare ed è tormentata dai sensi di colpa per la morte della migliore amica che, forse, poteva salvare. L’unica cosa che Phoebe desidera è lasciarsi tutto alle spalle, ecco il perché della scelta di abbandonare il proprio lavoro e con esso tutte le abitudini della vita quotidiana per aprire un negozio e lanciarsi così nell’avventura che una nuova attività comporta: aiutare i clienti nella scelta di un capo d’abbigliamento, recarsi in Francia per rifornirsi di biancheria intima vintage e alle aste per acquistare abiti firmati ed entrare in case di anziane signore desiderose di vendere le proprie collezioni di vecchi vestiti. Sarà proprio durante una di queste visite domestiche che Phoebe conoscerà Thèrése, la signora Bell, un’anziana ormai sola, afflitta da un doloroso passato, tenuto per tutta la vita nascosto e che deciderà di rivelare proprio a Phoebe, forse perché ad avere la meglio sarà la sensazione che entrambe le donne hanno qualcosa da nascondere. Così la signora Bell confesserà di non essere mai riuscita a perdonarsi di avere ingenuamente tradito, in tempi di guerra, la propria amica, una bambina ebrea di nome Monique, costretta a nascondersi durante l’invasione della Francia da parte dei nazisti, ed in seguito spedita in un campo di concentramento. La signora Bell non ebbe più sue notizie. Da parte sua, la protagonista, Phoebe, rivelerà i propri segreti all’anziana signora e riuscirà anche a contattare la figlia di Monique, scoprendo così che quella bambina ebrea sopravvisse agli orrori della guerra. Phoebe, aiutando la signora Bell a perdonarsi, riuscirà a perdonare se stessa ed a riappacificarsi con il ricordo della propria amica scomparsa. Ecco quindi che con la guerra, il nazismo e gli orrori dell’olocausto, il passato e la storia entrano prepotentemente nel romanzo.

Ma non sarà solo la tragedia a fare da filo conduttore tra generazioni diverse, tutte le altre vicende secondarie del libro, perfettamente intrecciate tra loro, saranno impregnate di una strana componente temporale. Qualche esempio: il padre di Phoebe, ormai sessantaduenne, lascia la propria moglie per una donna molto più giovane dalla quale avrà anche un figlio; la madre in seguito all’abbandono sarà ossessionata dall’avanzare dell’età e cercherà continui rimedi per ringiovanire; la stessa Phoebe avrà una storia d’amore con un uomo molto più maturo di lei; inoltre conoscerà Dan, un giornalista appassionato di vecchi film in bianco e nero, che sarà un personaggio interessante e più di un amico.
Ad avere un ruolo fondamentale nel romanzo sarà naturalmente il negozio di abiti vintage, che permetterà alla protagonista di fare tutte quelle conoscenze necessarie per dare energia e senso alla storia, poiché nulla può richiamare la costante presenza del passato nelle nostre vite come il valore memoriale che sa rivalutare l’originario spirito vintage. Per Phoebe un vestito non è semplice stoffa, ma è un contenitore di storie. Ogni manufatto è unico perché contiene la personalità ed un pezzo di vita di chi l’ha indossato. All’autrice va il merito d’essere riuscita ad elaborare eleganti descrizioni dei vari capi d’abbigliamento che figurano in questa sorta di “sfilata narrativa”, inserendole tra i discorsi e le azioni dei personaggi, senza appesantire il romanzo ed ottenendo così il difficile risultato di coinvolgere emotivamente anche un perfetto estraneo al mondo del vintage o della moda in generale (ma c’è da dire che per i più inesperti può essere richiesto lo sforzo, di volta in volta, di visualizzare gli abiti evocati su internet…). Si tratta quindi di un romanzo che entusiasmerà in particolar modo gli amanti del vintage ma che non dispiacerà anche agli altri lettori, che alla fine del libro si ritroveranno a saperne qualcosa di più.

Ecco quindi l’essenza di questo romanzo di successo: la costante presenza in tutte le storie narrate del fattore temporale ed il suo valore memoriale (l’orrore dell’olocausto, i vecchi film in bianco e nero, il vino d’annata, i vestiti), la consapevolezza che il passato è perennemente collegato al presente e una buona dose di vicende secondarie che gravitano attorno alla protagonista e che al termine del romanzo finiranno per intrecciarsi sapientemente tra di loro.

L’autrice di Passione Vintage, Isabel Wolff, sarà presente al Padova Vintage Festival venerdì 9 settembre, Centro Culturale San Gaetano, Auditorium.

PADOVA VINTAGE FESTIVAL, 9 – 10 – 11 SETTEMBRE

Conaltrimezzi seguirà da vicino l’evento tra incontri, anteprime e interviste. Rimanete sintonizzati. Qui di seguito le coordinate dell’evento:

Sito ufficiale del Padova Vintage Festival
Padova Vintage Festival su Facebook

Mail: info@vintagefestival.org

 

 

Padova Vintage Festival 2011


IL PROGRAMMA DEL FESTIVAL

EXPO:
Archivi e collezioni di abiti, accessori, bigiotteria e elementi di design frutto di un’attenta selezione di espositori nazionali ed europei saranno presenti nella mostra mercato dell’agorà del San Gaetano. Un’importante galleria per veri cultori dello stile retrò dagli anni ’50 agli anni ’90, con abiti e accessori che hanno fatto la storia.
Location: Agorà

JAPANESE BEAUTY:
Gli abiti di Comme des Garçons, Issey Miyake e Yohji Yamamoto, tra i più importanti rappresentanti della moda giapponese provenienti dall’archivio A.N.G.E.L.O. Il design giapponese, caratterizzato da forme compatte, pulite ed essenziali che ha conquistato per il suo carattere minimale.
Location: Primo Piano, Ballatoio

MOSTRA ARTE:
Il terrorismo degli anni di piombo a Padova sarà il tema dell’esposizione curata da Bruno Lorini e Roberta Iachini, in cui cinque artisti contemporanei presenteranno opere e performance. Gea Casolaro, Augusto Morandi, Luca Clabot, Antonio Guiotto sono gli eclettici protagonisti di questa inedita retrospettiva.
Location: Primo Piano, Ballatoio

WORKSHOP:
Una tavola rotonda in cui ospiti di spessore dialogheranno a diretto contatto con il pubblico. Appuntamenti per immergersi tra moda, design, arte e musica e sperimentare il vintage in modo autentico.
Location: Itinerante, Sala Vecchiato, Auditorium

URBAN BREAKFAST:
Un contest regionale delle migliore scuole hip hop in cui i ballerini si sfideranno a colpi di freestyle, New style, Krumping, House e molto altro. L’hip hop come esempio palese di contaminazione tra il passato, lo stile Vintage, e lo spirito sperimentale contemporaneo.
Location: Auditorium

FILMFESTIVAL DI BARCELLONA – MECAL:
Cortometraggi, videoclip e pubblicità creative dall’archivio Mecal – Festival Internazionale di Cortometraggi di Barcellona. Ognuna delle serate ruoterà attorno ad un tema specifico mostrando una prospettiva Vintage completamente inedita ed esclusiva. Un percorso che, attraverso una selezione singolare, inchioderà lo spettatore alle poltrone.
Per i contenuti presenti in alcuni frammenti del cinefestival sarà consigliabile la visione ad un pubblico adulto.

DOPOFESTIVAL:
Esclusive live performance faranno sconfinare il Vintage Festival dalle mura del centro S.Gaetano in rinomate location della città. Musicisti di fama internazionale chiuderanno le giornate del festival. Il primo appuntamento, nell’elegante sede di Porsche Italia, il secondo appuntamento nel patinato Q Bar in piazza Insurrezione, mentre il Caffè Pedrocchi sarà la lussuosa cornice dell’evento di chiusura.
Location: 9 Sett. Porsche Padova, 10 Sett Q Club, 11 Sett. Caffè Pedrocchi


Commenta l'articolo
La tua e-mail non sarà pubblicata
  • ( non sarà pubblicata )